meno 5

-5

Ormai ci siamo…mancano solo 5 giorni alla Sagra e il paese è già in fibrillazione!Sabato e domenica gli organizzatori hanno allestito gran parte del percorso. Un grande cantiere a cielo aperto dove regnavano solo chiodi,tavole e fil di ferro…ma anche tanta, tanta buona volontà. Un gruppo di associati della Pro Loco si è occupato dell’entrata del villaggio che, come ogni anno, presenta delle novità.  La cassa infatti è stata sistemata verso sinistra e la struttura, che ricorda un po’ le casette di montagna di un tempo, è stata spostata di qualche metro, per includere nel percorso un’altra zona del nostro paese. Mentre dei vigorosi uomini di altri tempi si arrampicavano su scale e palanche per ultimare l’ingresso del villaggio, lungo il percorso altre due squadre erano al lavoro. Da una parte c’era chi si occupava dell’allestimento degli stand, dall’altra chi si prendeva cura del sistema di illuminazione. Un grande staff al lavoro insomma, rallegrato dalle battute scherzose e dalla musica che già era trasmessa in filo diffusione. Nella tarda mattinata poi sono stati sistemati gli ultimi dettagli della scenografia: rami, foglie e l’ormai noto tronco centenario che troneggia al centro dell’ingresso. Anche se la stanchezza si cominciava a far sentire gli organizzatori hanno continuato a lavorare con il sorriso sulle labbra, fieri e orgogliosi della loro creatura che sta pian piano prendendo vita. Oggi, a cinque giorni dal grande evento, già si sente il rumore dei chiodi e il vociare delle persone che continuano instancabili a lavorare. Quotidianamente i cittadini di Sante Marie e dei paesi limitrofi portano alla Pro Loco centinaia di chili di castagne, che serviranno per la preparazione dei dolci e per le caldarroste. Un gruppo di donne poi sta pensando a come deliziare il palato dei visitatori. Crostate, castagnaccio, biscotti al cioccolato e castagne, ravioli fritti con ripieno….delle vere delizie che nei prossimi giorni mani esperte e ormai collaudate prepareranno appositamente per la Sagra.  Anche le varie associazioni, che si occuperanno della parte culinaria della manifestazione, sono già all’opera. Gli anziani, dall’alto della loro esperienza, stanno già calcolando quante scifelle di polenta dovranno preparare per sfamare tutti i partecipanti. L’associazione giovani invece sta provvedendo ad organizzare tre postazioni, non solo per i giovani ovviamente!!!Arrosticini, bruschettoni e l’ormai celebre Osteria Bassani, che quest’anno, a gran richiesta, tornerà nella consueta postazione: la piazza vecchia. Ma torniamo ai piaceri del palato: alla parrocchia sono già pronte farina e patate per la preparazione degli gnocchi, mentre all’associazione Il Castagno stanno ultimando la preparazione delle pappardelle, che verranno poi condite con il sugo di cinghiale. I sapori genuini di un tempo regneranno al buaro dove il coro Polifonico ha già fatto le prove per la cottura della pizza che, insieme ai quajategli e alle minestre di legumi, saranno cucinate per tutta la durata della manifestazione. Gli alpini hanno già sistemato sul fuoco il pentolone dove prepareranno il vin brulè e il comitato feste invece sta decidendo quale vino offrire nella sua cantina di degustazione…Per quanto mi riguarda oltre a scrivere per voi e tenervi aggiornata su quello che succede mi sto dando da fare insieme a tutti gli organizzatori per far in modo che anche quest’anno la nostra sagra sia INDIMENTICABILE!!!!

meno 5ultima modifica: 2008-10-30T09:48:35+01:00da santemarie
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento