Un salto nel passato

La casualità ha voluto che durante l’ultima edizione della Sagra della Castagna si ritrovassero nella sede della Pro Loco gli ultimi quattro Presidenti e quindi mi è parso giusto pubblicare questa foto che in un momento ci fa ritornare indietro di qualche anno.

Per chi non lo ricordasse con la 23^ edizione si pensò di realizzare il famoso “villaggio della castagna” e da lì piano piano questa manifestazione è andata crescendo. Siamo orgogliosi di quanto siamo riusciti a fare con il contributo di molti Paesani che ci hanno voluto aiutare e speriamo di avere sempre la collaborazione del nostro Paese e del Territorio tutto. Saremmo veramente lieti di avere le foto di tutti i Presidenti che ci hanno preceduto per creare un piccolo album di ricordi. Se qualcuno ne avesse le potrà inviare a questo indirizzo

prolocosantemarie@virgilio.it

DSC_94060007(2).JPG
Un salto nel passatoultima modifica: 2009-11-23T19:14:00+01:00da santemarie
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Un salto nel passato

  1. Un saluto a tutti i santemariani! ma mi chiedevo Kleppero che fine ha fatto???
    Poi volevo chiedere a tutti un ricordo nella preghiera anche per me, visto che lunedì 7 dicembre 2009 nel poremiggio nella Cattedrale di Chieti riceverò il ministero del Lettorato dalle mani di Mons.Bruno Forte Arcivescovo di Chieti-Vasto! I ministeri=servizio si ricevono in Seminario, ma siccome la Cappella maggiore del nostro seminario è inagibile ci spostiamo in Cattedrale! Vi invito a visitare il

    sito:www.seminarioabruzzesemolisano.it

    Un saluto a tutti Gabriele

  2. Langensteinbach 4.12.2009 ore 19.°°
    S’ha rezzelata la sagra, le castagne, vele che ciao remaste vavo a fini´ aventro alla rischiera e fatte arosti´aglio cammile ,se saria ditto na vota , le famiglie co glio cammile raperto ,a viva fiamma, penso che so poche le casi vele che ciao remaste che ancora glio tevo. E no me reesce de immaggina´ caduno che ancora oi arostisce le castagne co la rischiera.E Reeccoce stemo nara vota ecco a chiacchiera´co vosco,e tutte le vote me domanno che ce pozzo dice oi agli Santemariani, pe remanene angima aglio fio de quelo che so ditto le atre vote? Bo mica lo saccio prima velo che dicio, me ve a mente neglio momento stesso che lo stengo a scrive e mo stengo a pensa´a na vota quando a Sante Marie venea glio caciaro de Pietrasecca che portea sempre solo na forma de cace angima a no bardacchino che portea angima alle spalle, me sembra de vedemmeglio nanzi co gli cazzuni alla zuava, scarpuni, cazzettuni,giacchetta tweed,´ gile e cravatta e glio cappeglio che tenea sempre ncoccia,e cae duno se recordera pure de ” LUCCAFERO” che abitava a casteglio, che quando veneano i porcari(Io me recordo de visto particolare) iettava io banno, che alla casata ce sta io porcaro, che venne i porchitti da alleva,´iete subito perche´remane poco tempo, e prima de dice vesso sonava la trombetta, na sorta de corno d’ ottone.Po ogni anno veneano i seggiari che remaneano du o tre iorni e la gente ce portea le seggie da rempaglia´o se le facea fa´gnove. E sci so cose che oi non ce stao piu´e sariano pure che no passariano co io modo de vive de mo,´ pero´a mi fa´piacere repensa a ste cose e gente che non ce stao piu´. Vabbe´mo ve saluto, sperenno che quelo che so raccontato, ve faccia piacere e ve faccia reveni a mente, cae cosa pure a vu,che ve fa piacere recordane.
    Ciao da Kleppero

Lascia un commento