Un nuovo anno inizia…..saluti dalla Germania

Bon’anno a tutti i SANTEMARIANI che ce stao e che non n’ci stao, me fa´ recorda´de na´cosa che requardava i monegli degli tempi de quanno, pure io ero moneglio.Ve recordo che a quii tempi ce stea poca possibilita de tene cae sordo n’saccoccia pe gli monegli e se aspetteano ste occasioni pe fanne caduno. E´facile iimmagina´che pure allora pe le feste natalizie la gente che era ita nelle grandi citta pe lavora revenea a festeggia´aglio paese. Io non lo saccio quando a cominciato fatto sta´che quando lo so cominciato a fa´io gia´dovea esiste, e cioe´la m’matina deglio primo degli’anno, la maggior parte degli monegli deglio paese se reuneva in gruppi zichi de tre quattro monegli ( I PIU´FURBI EANO DA SOI ) e se ne eano pe glio paese, e racconteano na filastrocca agli passanti che facea ” Buon giorno e buon anno damme la mancia per quest’anno.” pe lo piu´erano pochi spiccioli come cinque dieci lire quelo che la gente ce dea, ma ce stea caduno che era piu´generuso, e allora esceano le mezze piotte e le piotte e ve potete m’maggina´ che chi ea da soio dopo non dovea sparti´co nisciuno . Bona fine e bon principio ve augura a tutti Kleppero CIAO.”

Un nuovo anno inizia…..saluti dalla Germaniaultima modifica: 2010-01-01T17:03:59+01:00da santemarie
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Un nuovo anno inizia…..saluti dalla Germania

  1. Langensteinbach giovedi 11 febbraio 2010.

    FIOCCA FIOCCA LA NEVE S’APPALLOCCA………………
    Coci tanta neve era na cria de tempo che non se vedea dalle parti nostre, m’be propio tanta nonn’e,´ ma io tempo che remane manco e´ cae cosa che ce fa´remane´, ma e´che se squaglia dopo na cria, glio iorno dopo sta nara vota ecco e coci e´da Natale.Ciao ce semo propio rutto de sto tempo da iupi e io po´ me so rutto pe davero na cianga perche´ so scicoiato angima alla neve.La prima vota che pe diverticce semo iti a scia e´ stato i primi anni 60 a Marzia co Attilio glio figlio deglio dottore che ma n’vitato glio frateglio Pierluigi, Angelo glio figlio de glio n’gegnere Ricci ci’a portato.Me recordo io non sapea scia´e non tenea manco le scarpi adatte,no paro de scarpuni che non c’entravano manco piu´i pei.Io so ditto non sapea scia e non tenea manco i sci, pero´Pierluigi tenea no sclittino che a qui tempi era na cosa moderna tenea pure glio manubrio pe gira´.Semo arivati a Marzia, Attilio e Angelo ao iti angima alle piste pe gli sci,io e Pierluigi ce semo fatto na scarpinata n’mezzo alla neve n,salita io so portato glio sclittino perche´´ era piu´ rosso,dopo no certo tempo semo arivati angima alla pista e me ci’a voluto na cria pe convinge Pierluigi a famme guida´a mi e non volea, strillava sbattea i pei ,io me so asciso angima aglio sclittino e ce so ditto d’ascitese arete,quando a visto che me ne stea a ine sa asciso arete a mi e semo scicoiato a balle.Arivati a recominciato la protesta de Pierluigi e a ito a fini´che so remasto loco a aspetta´gli’atri pe rei a casa.
    Fatto sta che pe i scarpuni che non erano m’permeabili tenea i pei n’fussi, a casa me faceano male come non avea provato prima.Da allora non so piu´ tenuto iocchio bono pe la neve. Ve so raccontato de glio rapporto che tengo co la neve che non dovete condividere anche perche´oggi siamo provvisti di piu´mezzi che fao esse la vicinanza co la neve piu´piacevole.

Lascia un commento