turismo sostenibile. Ecco la chiave

Tra i Comuni citati non vediamo il nome del nostro e ci chiediamo perchè

PNALM (Parco Nazionale Abruzzo, Lazio e Molise) -(di Michele Visco) Sindaci al fianco delle aree protette nella sfida di “Abruzzo sostenibile” mirata a conquistare spazi nel settore del turismo didattico naturalistico di Roma e dell’area campana. La squadra mista, pubblico-privato, formata da Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, parco regionale Sirente-Velino e riserve naturali di Monte Velino e grotte di Pietrasecca in collaborazione con la cooperativa “Sherpa” ed il finanziamento di Legacoop Abruzzo conquista il sostegno dei comuni di Magliano dei Marsi, Carsoli, Rocca di Mezzo, Villavallelonga e Massa D’Albe, chiamati a condividere linee guida e strategie per stimolare la crescita del turismo scolastico nella regione verde d’Europa. Prima mossa, illustrata proprio dai rappresentanti delle aree protette e di Sherpa coop, Vitorio Ducoli, direttore del Pnalm, Luca Santarossa, responsabile promozione del parco Velino-Silente, Luca Eusepi, ufficio territoriale per la biodiversità del Corpo Forestale dello Stato di Castel Di Sangro che proporranno iniziative di laboratorio e visite guidate nelle aree protette. <Il rilancio turistico all’insegna dello sviluppo sostenibile – ha spiegato il sindaco di Magliano dei Marsi Gianfranco Iacoboni – è la strada giusta per sostenere lo sviluppo dei territori in forma associata>. Sulla stessa lunghezza d’onda tutti i colleghi delle aree protette. “Abruzzo sostenibile” è quindi un modo di agire che si gioca insieme, anche per conferire al tutto una certa continuità, poiché il progetto finanziato da Legacoop Abruzzo e Sherpa coop coprirà gli anni 2010/2011. Due anni utili che serviranno a lanciare il progetto e pianificare una strategia futura puntando a intercettare fondi regionali, nazionali ed europei per non deludere le aspettative dell’Abruzzo e dei parchi, principale punto di forza della Regione nella partita del turismo nazionale e internazionale.
Pubblicato da red. prov. “Alto Casertano-Matesino & d”

turismo sostenibile. Ecco la chiaveultima modifica: 2010-05-20T19:03:31+02:00da santemarie
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento